Home Chi siamo Dove siamo Scuole Didattica

 Amministrazione Servizi Bambini Contatti

 

 

 

IL P.O.F. PER ARGOMENTI

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

 Nel Tempo Pieno operano due insegnanti in una classe e la suddivisione degli ambiti disciplinari può articolarsi nel seguente modo:

DOCENTI

AREA

DISCIPLINE/EDUCAZIONI

Insegnante A

linguistica

lingua italiana, storia, ed. motoria ed. all’immagine

Insegnante B

logico –matematica

matematica, scienze, geografia, ed. al suono e alla musica, informatica

Insegnante C

specialistica:lingua straniera

lingua inglese

Insegnante D

specialistica

religione cattolica

Questa suddivisione degli ambiti può essere considerata una suddivisione di massima, nel caso di programmazioni di “taglio” particolare o di specifiche competenze degli insegnanti team, la suddivisione delle materie può variare.

Nell’organizzazione modulare gli ambiti disciplinari sono così suddivisi:
modulo tre docenti su due classi:

DOCENTI

AREA

DISCIPLINE/EDUCAZIONI

Insegnante A

linguistica

lingua italiana , educazione all’immagine

Insegnante B

logico –matematica

matematica, scienze, ed al suono e alla musica, informatica

Insegnante C

Area antropologica

storia, geografia, ed. motoria

Insegnante D

specialistica:lingua straniera

lingua inglese

Insegnante E

specialistica

religione cattolica

MONTE ORE DEDICATO ALLE SINGOLE DISCIPLINE

SCUOLA ANNA FRANK

MATERIE

ORGANIZZAZIONE MODULARE

TEMPO PIENO

CLASSI
I

CLASSI
II

CLASSI
III-IV -V

CLASSI
I

CLASSI
II

CLASSI
III-IV-V

ITALIANO

8

6

6

8

8

7

MATEMATICA

5

6

6

6

6

6

TECN.INFORM.

1

1

1

1

1

1

SCIENZE

2

2

2

2

2

2

GEOGRAFIA

2

2

2

2

2

2

STORIA

2

2

2

2

2

2

MOTORIA

2

2

2

3

2

2

INGLESE

1

2

3

1

2

3

RELIGIONE

2

2

2

2

2

2

ED.IMMAGINE

2

2

 

3

2

2

2

ED.MUSICALE

2

2

2

2

2

LABORATORIO

 

 

 

4

4

4

TOTALE

29 ore

29 ore

29 ore

35 ore

35 ore

35 ore

 

SCUOLA MARCO POLO

MATERIE

CLASSI
I

CLASSI
II

CLASSI
III-IV-V

ITALIANO

8

7

7

MATEMATICA

7

7

7

TECN.INFORM.

1

1

1

SCIENZE

2

2

2

GEOGRAFIA

2

2

2

STORIA

2

2

2

MOTORIA

2

2

2

INGLESE

1

2

3

RELIGIONE

2

2

2

ED.IMMAGINE

2

2

1.30

ED.MUSICALE

2

2

1.30

LABORATORIO

4

4

4

TOTALE

35 ore

35 ore

35 ore

L’EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE (alla cittadinanza, stradale, ambientale, alimentare, alla salute e all’affettività) è trasversale alle altre discipline.

COMPRESENZE 

Si distinguono i momenti di compresenza in:
- Compresenza di due insegnanti in una stessa classe;
- Compresenza di tre insegnanti nelle classi del modulo;

Nel 1° caso, nella scuola A. Frank, si attuano attività di recupero individualizzato e/o di potenziamento; nel 2° caso, gli alunni delle classi possono essere divisi in gruppi misti: questo momento è dedicato ai laboratori che, di solito, sono utilizzati per lo svolgimento di attività espressive.

I laboratori sono momenti caratterizzanti del Tempo Pieno in cui, abitualmente, sono svolte attività di carattere espressivo (ed. all’immagine, ed. al suono e alla musica, ed motoria, teatro) che hanno alla base una rilevante valenza educativa e sono sempre legate alla programmazione comune di plesso. Tali attività vedono coinvolte tutte le classi e tutti gli insegnanti in orario di compresenza, con cadenza bisettimanale. I gruppi  di laboratorio sono formati da alunni di classi parallele.  

Le compresenze con l’inglese e la religione Cattolica vengono utilizzate per la sostituzione dei colleghi assenti  a supplenza breve. 

GESTIONE INTERNA

Prevede:

  • L'articolazione dell'orario scolastico in funzione del miglior andamento dell'attività didattica (equilibrata distribuzione dei carichi cognitivi nella giornata e nella settimana);

  • Il rispetto della normativa vigente per quanto riguarda l’orario delle discipline e la suddivisione degli ambiti.

  • L'orario dei docenti costruito in modo da favorire il maggior numero di ore di contemporaneità.

  • La registrazione, nel giornale di classe, all’inizio dell’anno scolastico, degli accordi di team:

  • La modalità di programmazione didattica;

  • La gestione delle ore di contemporaneità;

  • I criteri per la conduzione della sezione/classe:

  • La formazione di sottogruppi/classi aperte/laboratori;

  • La disposizione e utilizzo di spazi e arredi;

  • La modalità di valutazione;

  • La modalità di organizzazione della giornata scolastica.

CONTINUITA’ EDUCATIVA 

La continuità del processo educativo consiste nel considerare il percorso formativo secondo una logica di sviluppo coerente, che valorizzi le competenze già acquisite dall’alunno e riconosca la specificità e la pari dignità educativa dell’azione di ciascuna scuola, nella dinamica delle diversità dei ruoli e funzioni.

In questa concezione globale di continuità è importante, però, tener presente che il passaggio tra un ordine di scuola e un altro è sempre un guado, con tutte le problematiche relative agli anni-ponte, che sono un segmento iniziale e finale di ogni ordine di scuola, in cui il bambino presenta delle caratteristiche peculiari, che non troviamo in altri momenti.

A sostegno dell’alunno durante il passaggio sono state attivate le seguenti iniziative nell’intento di rendere più fluido il transito, in un processo dialettico fra gli ordini di scuola:

  • Scambio di informazioni

  • Individuazione degli elementi di continuità

  • Condivisione dell’azione progettuale

  • Ricerca di metodologie comuni

  • Avvio di un curricolo dall'Infanzia alla primaria

Le modalità d’intervento per l’attuazione della fase operativa prevedono:

  • Incontri fra scuole elementari e medie e scuole d’infanzia ed elementari con modalità diverse a seconda degli obiettivi prefissati.

  • Momenti di formazione comune nelle discipline di matematica/scienze, storia, ed. artistica.

  • Compilazione, da parte dei docenti dell’ultima sezione delle scuole dell’infanzia, di una scheda “profilo individuale dell’alunno” e di una “griglia di osservazione” relativa agli obiettivi raggiunti.

  • Incontri prefissati tra i docenti dei vari ordini di scuola per verificare la congruità delle valutazioni espresse all’uscita da una scuola e all’entrata nell’altra (questi incontri si dovranno svolgere nel primo quadrimestre).

  • Progetti di lavoro attuati tra scuole d’infanzia ed elementari del Circolo.

  • Riunioni e confronti a fine anno scolastico.

 

 

Copyright© 2008 Mistero

Direzione Didattica 2 ° Circolo - Spinea - Via Fregene, 15 - 30038  Spinea  (VE)

Tel. 0415413647 - 041997534  Fax. 041990692